Home Cultura I PROGETTI DEL FERMI IN PILLOLE

I PROGETTI DEL FERMI IN PILLOLE

657
0
CONDIVIDI

Al Liceo Fermi si tengono degli eventi conclusivi per presentare i lavori svolti dai ragazzi durante l’anno scolastico

Di I. Costanzo, M. De Lucia, R. Serra

Svariati sono gli eventi organizzati nella settimana, tra il 4 il 7 giugno, al Liceo Scientifico Enrico Fermi, in vista dell’ “Open sounds: Immaginare il lavoro, Progettare il futuro”, piano di disseminazione e valorizzazione delle attività del Fermi. Nel pomeriggio, infatti, si sono tenuti incontri di presentazione, speciali eventi e dibattiti volti a sensibilizzare chi esterno alla scuola, e soprattutto i genitori, mostrando i lavori svolti dagli studenti durante l’anno nei vari percorsi o progetti. Studenti che hanno sempre provato a dare il meglio di sé, ragazzi che hanno lavorato con impegno e dedizione, e che hanno ritenuto fosse dunque importante dimostrarlo anche agli altri. In particolare, mercoledì 6 pomeriggio, hanno avuto luogo gli eventi conclusivi dell’Erasmus + e di F.A.R.E II Edizione Scuola Viva. Durante l’incontro conclusivo con i genitori dei ragazzi partecipanti all’Erasmus +, svoltosi dalle 16:00 alle 17:00, gli studenti hanno presentato il loro lavoro e raccontato le proprie esperienze al termine dei tre anni di partenariato con le scuole di Spagna, Turchia, Polonia e Romania. Oltre ai ragazzi, i veri protagonisti del progetto, hanno avuto spazio anche i genitori dei suddetti alunni. È stato un momento per parlare dell’orgoglio maturato nei confronti di un “esperimento”, il cui risultato finale ha reso i genitori ancora più fieri dei traguardi dei propri figli nell’ambito del cultural exchange. A introdurre quest’ultimo incontro del progetto, la prof.ssa Costanza Chirico, docente di lingua e letteratura inglese, che ha fatto un resoconto dell’esperienza generale e ha raccontato di come sia nato questo connubio tra i dipartimenti di inglese e di scienze. Dunque, una splendida opportunità per i ragazzi, non solo di rendere orgogliosi i propri genitori e sentirsi realizzati per il lavoro svolto, ma anche di salutare amici e insegnanti, dandosi appuntamento a settembre per l’avvio di un nuovo anno scolastico.