Home Cultura CINQUANT’ANNI E NON SENTIRLI

CINQUANT’ANNI E NON SENTIRLI

907
0
CONDIVIDI

La sera del 13 luglio al Fermi si festeggerà il cinquantesimo compleanno del Liceo

Di I. Costanzo, M. De Lucia, R. Serra

Nato nel 1967 come sezione scientifica del classico locale, il Liceo Scientifico Enrico Fermi è diventato da subito una scuola all’avanguardia, apprezzata in tutta la provincia, con un trend sempre crescente di iscrizioni nel corso degli anni. E di anni ne sono passati davvero tanti! Il prossimo mese, infatti, in conclusione dell’anno scolastico, si festeggerà il cinquantesimo compleanno del Liceo Fermi. La sera del 13 luglio, dalle ore 21:00, si terrà una vera e propria festa per commemorare tale ricorrenza, durante la quale gli attuali studenti, insieme ai cosiddetti ex-fermini cioè gli ex-studenti del Liceo, saranno protagonisti di una serie di interessanti attività, come la proiezione su maxischermi di foto d’epoca di classi e gite, grazie alle quali gli ex-studenti potranno rivivere la loro esperienza al Liceo e, attraverso il ricordo, ritornare adolescenti. A supportare la proiezione delle foto d’epoca, inoltre, ci saranno due filmati, che narreranno questi cinquanta anni per evidenziarne gli eventi storici e non più rilevanti, relativi non solo alla scuola ma anche al mondo intero. Successivamente, verràpresentato un libro molto speciale, dedicato a quest’anniversario. Non mancheranno le testimonianze dirette di ex studenti che, con l’esercizio della propria professione, hanno contribuito a dare lustro al Fermi. Durante l’evento ci sarà spazio per esibizioni canore sia degli ex studenti che di quelli attuali. Tra le cantanti Elvira Gisonde, studentessa della 5F, che afferma: “Il 13 Luglio canterò ai 50 anni del Fermi insieme alla mia amica e chitarrista Francesca Fusco, studentessa della 2C, e per quella data sarò già matura… Il solo pensiero mi rende molto emotiva perché sono davvero legata a questa scuola che mi ha dato tanto e non solo dal punto di vista didattico. Io ringrazio tutti quelli che mi hanno sopportata e supportata perché mi hanno aiutato a raggiungere delle consapevolezze e conoscenze che difficilmente avrei compreso da sola.  I miei ringraziamenti vanno alla preside,  ai cari studenti, ai collaboratori scolastici, ad Ilenia Menale, al tecnico Raffaele, a tutti i collaboratori della segreteria, al professore Luca Ferri, la professoressa Daniela Di Palma e ai miei carissimi docenti.  Sappiate che vi porterò sempre nel cuore”. È bello vedere quanto i ragazzi ringraziano coloro che li hanno seguiti durante il loro percorso di studi,  accompagnandoli, e – come ha detto anche Elvira – sopportandoli. Come ogni anno scolastico, a breve molti ragazzi lasceranno il Fermi entrando in quello che viene chiamato “il mondo degli adulti”, dopo 5 anni ricchi di emozioni, come ansia, tristezza, gioia, rabbia, amore… ma una cosa è certa, come precisa la preside, Adriana Mincione: “Non si è mai ex alunni del Fermi, ognuno ci lascia un pezzetto di se’, e noi, nel bene e nel male, vivremo sempre nei loro cuori”.