Home Rassegna Stampa GLI STUDENTI DEL LICEO IN UN PROGRAMMA DELLA RAI, CASERTA NEWS 07/12/2018

GLI STUDENTI DEL LICEO IN UN PROGRAMMA DELLA RAI, CASERTA NEWS 07/12/2018

361
0
CONDIVIDI

Gli studenti del Liceo Fermi di Aversa ad una puntata speciale del programma Rai “Quante Storie”. I ragazzi del Laboratorio di Giornalismo Cross Medial dell’Istituto aversano ha partecipato alla diretta esclusiva di “Quante storie”, programma culturale targato Rai 3 condotto da Corrado Augias e girato per l’occasione nella Nuvola di Fuksas a Roma, in questa settimana location della fiera editoriale “Più Libri Più Liberi”.

Presenti, oltre ai giovanissimi ragazzi , quattro grandi ospiti che hanno guidato i telespettatori in un viaggio attraverso le atmosfere affascinanti e dualistiche di Roma: Flavio Caroli, critico e storico dell’arte ha presentato il suo nuovo libro “L’arte italiana in quindici weekend e mezzo”, per poi cedere la parola a Claudia Conforti, docente di Storia dell’Architettura all’Università Tor Vergata di Roma.

Affascinati e incuriositi dalla lettura di alcune righe di “Arsenale di Roma Distrutta “, i ragazzi hanno posto domande all’autore Aurelio Picca, colpiti dalla Roma inaspettata e misteriosa dipinta dinnanzi ai loro occhi. Esclusivo, infine, l’intervento di Enrico Vanzina, sceneggiatore e produttore cinematografico che ha così concluso la puntata, con accenni alla Roma cinematografica del passato e del presente. Roma è stata la vera protagonista e, in suo onore, si è parlato dei suoi pregi e dei suoi difetti, dei suoi segreti e delle sue bellezze che spesso scompaiono agli occhi nostri. Senza dubbio, l’interesse dei ragazzi è salito alle stelle, onorati di essere entrati in contatto con importanti personaggi che hanno raccontato, da vari punti di vista e con estrema spontaneità, il loro modo di vedere la città.

Il tutor interno del Progetto Annamaria Ruggero, ha dichiarato soddisfatta: “Spesso noi adulti tendiamo ad allontanare i giovani dai problemi dell’attualità, con l’intento di proteggerli. Questa iniziativa, invece, ha consentito ai nostri studenti di toccare con mano la realtà che li circonda, di riflettere criticamente e di impegnarsi nella ricerca di effettive soluzioni.”