Home Progetti AVERSA MILLENARIA: DISEGNARE LA CITTÀ DI AVERSA

AVERSA MILLENARIA: DISEGNARE LA CITTÀ DI AVERSA

539
0
CONDIVIDI

Il Fermi partecipa ad un concorso di Aversa Turismo

Di M. Mangiacrapa e C. Sarmiento

Giovedì 13 dicembre alcuni studenti hanno partecipato ad una iniziativa tenutasi  presso il complesso monumentale di San Biagio di Aversa, nell’ambito del Progetto “Aversa Millenaria”. Il progetto consiste nell’elaborazione di un disegno di una parte della chiesa di San Biagio che parteciperà poi al concorso connesso. Infatti, tra i disegni realizzati dai ragazzi partecipanti, ne verrà poi scelto uno da utilizzare per la realizzazione della cartolina filatelica. Ogni studente ha potuto scegliere il formato e la tecnica di disegno e ha avuto, dunque, la possibilità di scatenare la propria fantasia. Il Progetto, la cui referente interna al Liceo è la docente di Lettere Eleonora Ciambelli, è stato creato dall’Associazione “Aversa Turismo”, nata nel 2011 con l’intento di promuovere il turismo culturale nell’intero Agro Aversano. Aversa Turismo vuole stimolare nei cittadini una conoscenza approfondita e sentita delle ricchezze del territorio e si propone di farlo attraverso progetti, ricerche, studi e anche attraverso l’organizzazione di seminari e convegni. Uno di questi è, appunto, Aversa Millenaria, nato in occasione dell’avvicinarsi di un evento molto importante, ovvero il compimento di un millennio della città di Aversa da quando fu fondata dai Normanni nel 1022. Il progetto è aperto a tutte le associazioni e agli enti che decidono di prendere parte a questo percorso di riscoperta e valorizzazione. Tra gli studenti del Fermi che partecipano, c’è Valeria Barra, 3A, la quale rivela: “Ho deciso di partecipare perché si tratta di rappresentare spazi abbastanza difficili e ho pensato che sarebbe stata una bella sfida”, sfida che prontamente ha accettato, mettendosi in gioco. Valeria continua e racconta dell’uscita del 13 dicembre, straordinaria visto che non è sempre possibile visitare la Chiesa a causa della presenza delle suore di clausura. Una volta lì, i docenti accompagnatori, il Prof. Mario Vaccaro e la Prof.ssa Concetta Cantile, hanno aiutato gli studenti nella scelta dello scorcio da raffigurare, la cui bozza iniziale ha richiesto circa due ore di lavoro. La ragazza, a tal proposito, afferma: “Pensavo non sarei riuscita a decidermi, la Chiesa è piena di particolari e c’era l’imbarazzo della scelta. Ma trovandomi lì e rendendomi conto degli spazi, è stato più facile capire cosa disegnare.” Un altro ragazzo partecipante è Jonathan Laudante, 3O, che è sempre stato appassionato del disegno libero, quindi ha colto l’occasione al volo, quando si è presentata, sollecitato anche dalla sua insegnante. Racconta poi del complesso di San Biagio visitato: “È stata davvero una bella esperienza; all’interno del monastero c’era un clima particolare, quasi magico, dove l’arte e la storia  erano assoluti protagonisti”, dal quale è rimasto completamente affascinato. A differenza della studentessa di 3A, spiega di aver avuto abbastanza difficoltà nella scelta del dettaglio da disegnare; tuttavia, dopo un’attenta riflessione e seguendo i consigli della docente presente, ha trovato il soggetto giusto da rappresentare. Il ragazzo conclude parlando dell’esperienza vissuta: “In tutta onestà devo dire di non aver mai pensato al risultato finale, considerando quest’esperienza semplicemente come l’occasione di poter visitare un tesoro nascosto nella città di Aversa, che ho scoperto poi risalire all’undicesimo secolo, quindi dal valore inestimabile – soprattutto dal punto di vista artistico ed architettonico – e grazie alla quale ho potuto arricchire il mio bagaglio culturale. Quindi sicuramente c’è da dire che è stata un’emozione unica che di certo non dimenticherò.” Aversa Turismo sta, quindi, sicuramente portando a termine i propri obiettivi con questo progetto, rendendo consapevoli  studenti giovanissimi della ricchezza che la loro città offre in un modo del tutto innovativo, permettendo ai ragazzi di mettersi alla prova e dare vita a qualcosa di unico sfruttando la propria creatività. Dunque, buona fortuna ai partecipanti!