Home Progetti LA MATEMATICA DAPPERTUTTO: IMPARARE A GUARDARE UN PROBLEMA NEGLI OCCHI

LA MATEMATICA DAPPERTUTTO: IMPARARE A GUARDARE UN PROBLEMA NEGLI OCCHI

252
0
CONDIVIDI

Il PON permette una visuale universitaria della disciplina

Di M. Mangiacrapa e C. Sarmiento

Con l’obiettivo di preparare gli studenti del quarto e del quinto anno all’Esame di Stato che presto dovranno affrontare, chi prima e chi dopo, è stato ideato il PON “La matematica dappertutto”. Il Progetto è nato sette mesi fa da un’idea della Dirigente Scolastica, idea che è stata accolta con grande entusiasmo dal Prof. Umberto Motti. Il docente ha infatti deciso di seguire il PON come tutor interno e si occupa di coordinarlo insieme con il Prof. Luigi Verolino, docente universitario. Il corso è iniziato il 20 febbraio e prevede un totale di otto lezioni, durante le quali i ragazzi hanno l’opportunità di risolvere diversi tipi di problemi ed esercizi di matematica, sperimentando metodi di approccio totalmente diversi da quelli sviluppati in aula, che possono risultare molto utili per l’imminente Esame di Stato e per possibili test universitari futuri. Infatti, i docenti hanno somministrato ai ragazzi una serie di test di accesso alle università più famose, come la Scuola Normale Superiore di Pisa e la Scuola Galileiana di Padova, e trattato insieme argomenti ad essi correlati. In questo modo, gli studenti iniziano ad affrontare la matematica secondo una prospettiva  universitaria e ciò viene favorito anche dalle spiegazioni del Prof. Verolino, il quale riesce a catturare l’attenzione di ogni singolo studente, talvolta anche raccontando aneddoti personali o riguardanti la storia della matematica e della fisica. A proposito dello svolgimento del corso finora, il Prof. Motti rivela: “Sono soddisfattissimo di come sta procedendo: i ragazzi sono pienamente coinvolti, anche perché il Professore Verolino è una persona eccezionale e riesce a coinvolgerli in tutto e per tutto.” Una delle ragazze partecipanti a questo progetto è Giovanna D’Angiolella, 4A, la quale rivela di essere stata informata del PON dalla sua professoressa di matematica, ma che ha personalmente deciso di prendervi parte perché ne è rimasta incuriosita sin dall’inizio. La ragazza spiega che l’attenzione di questo PON si focalizza sullo svolgimento dei problemi dell’esame di stato, sempre più vicino per lei; il tutto avviene però in un clima molto sereno, il quale rende le lezioni più piacevoli del previsto. Giovanna conclude affermando: “In primis penso che possa essermi utile, per quanto riguarda il mio futuro, per esempio con l’esame dell’anno prossimo; in secondo luogo, ci insegnano a “guardare bene il problema con gli occhi”, il che si rivela utile in ogni caso.” Un altro ragazzo che segue questo progetto è Gianluca Pandolfi, 4B, il quale rivela di essere stato trasportato in questo grazie alla sua ragazza. Lo studente ammette di essere stato anche lui particolarmente colpito dall’ambiente sereno  e tranquillo che si crea durante ogni lezione, ore in cui tutti sono molto attenti anche grazie al Prof. Verolino. “Lo consiglierei assolutamente anche a chi non è molto interessato alla matematica, in quanto si tratta di una preparazione per la maturità che dovremo affrontare”, conclude Gianluca. L’esame di stato è una tappa che, prima o poi, devono affrontare tutti; l’unica pecca è che un’esperienza così bella e unica come questa viene sempre vissuta con ansia constante, dettata dalla voglia di mostrare tutte le capacità che si hanno; insomma l’esame di maturità viene spesso visto come l’ultima occasione per lasciare un’impronta, un segno tra le mura che ci hanno protetto per cinque lunghi anni, nei giorni sì e nei giorni no. Forse per vivere in maniera più serena l’ attesa degli Esami di Stato, bisogna assolutamente seguire il PON “La matematica dappertutto”, che permette ai ragazzi di acquisire quelle tecniche utili ad affrontare il nuovo Esame di Stato.