Home Interviste STORIE DI ALTERNANZA

STORIE DI ALTERNANZA

197
0

Di M. G. Coppola

Primi classificati nella categoria Licei

Il Premio Storie di alternanza” è un’iniziativa promossa da Unioncamere e dalle Camere di Commercio Italiane con l’obiettivo di valorizzare e dare visibilità ai racconti dei progetti d’alternanza scuola-lavoro ideati, elaborati e realizzati dagli studenti e dai tutor degli istituti scolastici italiani di secondo grado. La competizione è suddivisa in due categorie distinte per tipologia di istituto partecipante, ossia: Licei e Istituti Tecnici e professionali. Il Liceo Scientifico Enrico Fermi ha annoverato tra gli innumerevoli traguardi raggiunti il primo posto per la categoria Licei. A illustrare con precisione le modalità saranno Antonio Mottola di 5aCs e Andrea Della Gatta di 2aDs che il 23 Maggio, insieme con i loro compagni, si sono recati alla Camera di Commercio di Caserta per assistere alla premiazione.

Che progetto avete presentato per guadagnare il così tanto agognato primo posto?

Nel corso dell’anno scolastico ci siamo cimentati nella programmazione del NAO per i più svariati fini: – racconta Andrea –l’  ideazione di un percorso di inclusione scolastica per persone con handicap, la progettazione di un app per smartphone da cui comandare il robottino, la  guida turistica italiana e inglese per i visitatori della mostra “Futura Leonardo” e tanto altro. Per questo concorso ci è stato richiesto di realizzare un video che sintetizzasse tutti gli obiettivi raggiunti mediante i molteplici utilizzi del NAO durante questo percorso di alternanza.

Emozioni, sensazioni e considerazioni sopraggiunte quando hai saputo di essere il primo nella tua categoria.

Le emozioni sono state tante, tutte diverse e confuse tra loro. È indescrivibile la soddisfazione che abbiamo provato quando abbiamo saputo di essere i primi classificati della nostra categoria.

Che consiglio daresti ad un alunno, magari appena entrato nel triennio, selezionato per partecipare a questa iniziativa?

Io gli consiglierei di vivere quest’esperienza con la giusta serietà, passione, e con lo scopo fondamentale di divertirsi e fare nuove amicizie. – spiega Antonio – È solo così e con duro lavoro che si ottengono i migliori risultati.

Ripeteresti l’esperienza? Giustifica la risposta

Assolutamente sì. – afferma convinto ancora una volta – Queste esperienze permettono di crescere non solo didatticamente ma sotto molteplici punti di vista: ci immettono sulla strada che rappresenterà il nostro futuro tramite il confronto con altre persone all’interno e all’esterno del nostro istituto. Io credo che tutto ciò,  al di là del divertimento, ci abbia permesso di maturare ed è per questo che consiglio agli altri di vivere queste esperienze. Perché questa è la vera scuola.

Le vittorie non sono mai abbastanza perché il Liceo Fermi è stati premiato a Caserta, ma si è anche posizionato tra i primi tre istituti vincitori a livello nazionale. Il 30 maggio, infatti, i ragazzi si recheranno a Roma dove si disputerà la finale della competizione. Qualcuno avrebbe detto “Che vinca il migliore!” ma forse, in questo contesto, è più appropriato “Chi la dura la vince!”