Home Progetti GIOCHI MATEMATICI: IL FERMI SBARCA A MILANO

GIOCHI MATEMATICI: IL FERMI SBARCA A MILANO

234
0

Quattro ragazzi dell’Istituto hanno partecipato alla finale dei giochi matematici a Milano

Di M. Mangiacrapa e C. SarmientoDurante l’anno scolastico 2018/2019 si è tenuta la trentatreesima edizione nel mondo e la ventiseiesima in Italia del Campionato Internazionale di Giochi Matematici. Sabato 11 maggio si è svolta la finale nazionale di questo Campionato presso l’Università Bocconi di Milano. Hanno potuto partecipare a quest’ultima fase solo coloro che hanno sostenuto e superato la preselezione regionale, che si è tenuta il 16 marzo presso l’Istituto Liceale Pizzi di Capua. La prova è per tutti gli studenti, divisi per categorie: C1, per i ragazzi di prima e seconda media; C2, per i ragazzi di primo liceo; L1, per i ragazzi di secondo, terzo e quarto liceo; L2 per i ragazzi del quinto liceo; GP, per gli adulti dal terzo anno di Università.In quest’occasione si seleziona la squadra che rappresenterà l’Italia alla Finale internazionale di Parigi di fine agosto. La squadra sarà costituita per ciascuna delle categorie L1, L2, GP dai primi tre classificati e dai primi cinque classificati per ciascuna delle categorie C1 e C2. Quest’anno sono stati 4 i ragazzi del nostro Liceo che sono riusciti ad arrivare alla competizione tenutasi a Milano, adesso stanno aspettando i risultati. Da circa tre anni l’Istituto non organizza più una serie d’incontri per preparare gli studenti che hanno deciso di iscriversi a queste gare, sta quindi a loro fare un piccolo allenamento da soli, poi nel caso di non riuscita in qualche esercizio si può chiedere una mano al proprio docente di matematica. La docente responsabile è la Prof.ssa Vincenza Ciriello, insegnante di matematica, la quale racconta che per affrontare i Campionati Internazionali di Giochi Matematici non è necessaria la conoscenza di nessun teorema particolarmente impegnativo o di formule troppo complicate, ma continua dicendo: “Occorre invece una voglia matta di giocare, un pizzico di fantasia e quell’intuizione che fa capire che un problema apparentemente difficile è in realtà più semplice di quello che si poteva prevedere.” Infatti, lo slogan della Bocconi è “Logica, intuizione e fantasia”. La Prof.ssa spiega che le competizioni sono molto importanti perché stimolano la voglia di vincere e quando si vuole gareggiare ci si allena fortemente e, in questo modo, migliora anche la preparazione dei partecipanti. La docente aggiunge, poi: “È positivo anche dal punto di vista psicologico perché in una prova bisogna mantenersi concentrati, condividere con altri e quindi c’è il confronto. Inoltre, per allenarsi bisogna essere organizzati e ci sono tanti altri aspetti che possono solo aiutare un ragazzo in crescita.” Uno degli studenti del Liceo che ha preso parte ai giochi è Nicola Letizia, 4O, che racconta aver colto al volo quest’opportunità per il secondo anno di seguito in quanto rappresenta un’esperienza formativa che gli permette di mettersi in gioco con altri ragazzi della sua età. Il ragazzo rivela: “La cosa più bella per quanto riguarda questi test è che non si tratta della solita matematica studiata tra i banchi di scuola, ma è un insieme di logica, ragionamento, numeri, vita reale e soprattutto divertimento. Sono dell’opinione che per affrontare una sfida del genere (se così possiamo chiamarla), bisogna essere spensierati, andare senza ansia, e non preoccuparsi del risultato. Bisogna godersi il momento, cogliere l’attimo, “Carpe Diem”, come affermava l’autore latino Orazio.” Per questo motivo, spiega Nicola, non ha alcuna aspettativa riguardo l’esito delle gare. Anzi, si dice felicissimo e afferma: “Posso dunque dire di essermi goduto una nuova esperienza che non so se in futuro ritornerà, ma so che c’è stata nel mio passato e che farà per sempre parte della mia vita.” La gara è, quindi, altamente consigliata a chi desidera mettere in gioco le proprie capacità e la propria immaginazione!